HOME / Home / Home
L’Italia in ristorante per aiutare le vittime del terremoto.

Dopo i terribili eventi del 24 agosto, in cui Accumuli, Amatrice, Arquata del Tronto e Pescara del Tronto sono implose, ferite dalle scosse del terremoto, l’Italia tutta s’Ŕ unita in una corsa di solidarietÓ.

 

 

Il mondo della ristorazione sì è sentito chiamato in prima linea ad aiutare i comuni distrutti dal sisma di agosto, essendo Amatrice la città che ha dato i natali ad un piatto fra i più noti nella Penisola: “gli spaghetti all’amatriciana”.

Nata nelle campagne laziali, al confine con l’Abruzzo, questa ricetta di origini contadine (gli ingredienti principali sono il guanciale e il pecorino) oggi identifica la cucina romana in Italia e nel mondo, nella versione più antica (in bianco) e nella versione più conosciuta, con il sugo di pomodoro. Il passaggio dalla tradizione di Rieti a quella della capitale è avvenuta con la migrazione; a Roma il primo ristorante che ha proposto la spaghettata di Amatrice risale al 1860 e si chiamava Il Passetto.

Dal piatto tipico di Amatrice è passata e sta passando l’ aiuto economico dei professionisti della ristorazione e dei loro clienti grazie alle numerose campagne di solidarietà nate spontaneamente all’indomani del sisma.

Il primo ad avere l’idea di far devolvere qualche euro su ogni piatto ordinato è stato il food blogger Paolo Campana con #AMAtriciana.

Non sono certamente mancate le polemiche sull’iniziativa che già dopo poche ore dal terremoto del 24 agosto è diventata virale sui Social Network e ha raccolto migliaia di adesioni da parte di ristoranti di tutta Italia.Immagine.jpg

La più forte accusa mossa all’iniziativa di Campana è stata la seguente: sotto l`etichetta della beneficenza i ristoranti ci guadagnano. Ma Campana ha spiegato, con molta tranquillità su Gambero Rosso la purezza dell’iniziativa: “La cosa urgente – ha dichiarato - è raccogliere fondi. Ma se poi un ristorante ha più clienti e maggiori incassi, qual è il problema? Poi parliamoci chiaro: quanti possono essere? 20, 30 coperti in più al mese? Anche fosse, che male c`è?”.

E noi siamo d’accordo. Pensiamo che si possa fare beneficenza in molti modi, tra cui devolvere qualche euro quando si esce a cena e si è propensi a spendere, stimolati da una campagna promossa da organizzatori seri. Sulla confluenza alle casse della Croce Rossa del margine di scontrino stanziato per i terremotati non abbiamo dubbi. Nessun ristoratore cavalcherebbe l’onda del terremoto, nè ruberebbe qualche spicciolo raccolto in più sull’incasso, spicciolo che, però, moltiplicato per tutti i ristoranti aderenti, diventa una somma importante per la Croce Rossa. Slow Food ha subito sostenuto l’iniziativa di campana e ha lanciato la sua campagna #unfuturoperamatrice chiedendo ai ristoratori di avere l’amatriciana in menu almeno per un anno, così da continuare a sostenere le popolazioni colpite dal terremoto anche dopo che i riflettori mediatici saranno stati spenti.

Altra campagna di raccolta fondi è “Un’Amatriciana per Amatrice” organizzata da Confesercenti e Associazione Città del Vino. Il 12 e il 18 settembre i ristoratori aderenti all`iniziativa devolveranno l`importo di ogni piatto di amatriciana ordinato ad un fondo dedicato alla ricostruzione e al sostegno delle attività della ristorazione, del commercio e della ricettività dei comuni di Amatrice, Accumuli, Arquata del Tronto e Pescara del Tronto.

“Cuore Amatriciano” è invece l`iniziativa promossa da FIC (Federazione Italiana Cuochi) e prevede una donazione di 5 euro per ogni piatto di “amatriciana” venduto. 

 

#amatriciana: IBAN IT40F0623003204000030631681

BIC/SWIFT: CRPPIT2P086

Beneficiario: Associazione Italiana della Croce Rossa

Causale: Terremoto Centro Italia – amatriciana

 

#unfuturoperAmatrice: IBAN IT 28 M 08327 73470000000006000

Beneficiario Comune di Amatrice. Causale: Un futuro per Amatrice

Per aderire: futuroperamatrice@slowfood.it

 

“Cuore Amatriciano”: IBAN: IT73W0306914607100000000433.

Beneficiario Associazione Provinciale Cuochi Rieti.

Info: https://www.facebook.com/profile.php?id=100013011677570&fref=ts


05/09/2016

Torna SU ↑



   Ricette
   LOCALI
RISTONEWS
Attualità, sondaggi, news
Interviste e opinioni
Gestione e legislazione
MONDOPIZZA
Pizzanews
Professione pizzaiolo
Pizza&core
Ricette
RISTORANTI
Professione ristoraro
Ricette
LOCALI D.O.C.
Pizzerie
Ristoranti
Locali serali e bar
FOOD SERVICE
Aziende
Prodotti
BEVERAGE
Aziende
Prodotti
ATTREZZATURE
Aziende e prodotti
Arredi e hotellerie
EVENTI
Fiere
Eventi
Top News
Filo Diretto
Beverage
CONTATTI
PRIVACY - COOKIES

PUBBLICITA'
Feed RSS