HOME / Ristonews / attualit�, sondaggi, news
Riparte la ristorazione: “solo” il 23% degli italiani andrà meno al ristorante, il 58% non cambierà abitudini

“Solo” il 23% degli italiani dichiara che andrà meno al ristorante, a fronte di un 58% per cui non cambierà nulla: queste le dichiarazioni degli italiani nell’instant survey dell’Osservatorio Vinitaly-Nomisma wine monitor in vista della riapertura della ristorazione e del ‘fuori casa’. Un canale pesantissimo per il vino italiano che vale al consumo 6,5 miliardi di euro l’anno.

Il 23% che dichiara l’intenzione di andare meno al ristorante non è poco. Poi bisognerà fare i conti anche con gli effetti della recessione che si annuncia non trascurabile, nonostante lo tsumani di investimenti pubblici annunciato dal governo.

Secondo l’Osservatorio, non manca, anche se molto misurato, il revenge spending, ovvero la ‘spesa della vendetta’ post-lockdown per i beni voluttuari come il vino: il 10% prevede infatti di Senza-titolo-5.jpgspenderne più di prima fuori casa, valore che sale al 15% per i millennials (25-40 anni) e per chi non ha avuto problemi sul lavoro (13%).

In Italia circa un terzo dei consumatori beve prevalentemente fuori casa (42% i millennials), con un valore che incide per il 45% sul totale delle vendite in Italia (14,3 miliardi di euro nel 2018). Il prezzo medio alla bottiglia è di 15,4 euro, mentre al calice la spesa è di 5,7 euro, secondo l’indagine.

wine2wine exhibition

Per il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani, “vino, accoglienza e ristorazione rappresentano il primo fattore distintivo del nostro Paese nel mondo, e trovano in Vinitaly il luogo di incontro per eccellenza, con una media di 18mila buyer italiani dell’horeca, dei quali 2/3 legati alla ristorazione. A ciò si aggiunge il tradizionale evento autunnale wine2wine business forum con l’innovativo wine2wine exhibition, primo vero appuntamento internazionale on e off line di quest’anno dedicato al vino”.

Giacenze quasi boom
Per il responsabile dell’Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor, Denis Pantini: “Il ruolo della ristorazione e gli effetti del lockdown sulle vendite di vino – sia in Italia che all’estero – sono anche desumibili dalle giacenze a fine aprile di quest’anno, che evidenziano le penalizzazioni subite da alcune blasonate denominazioni che trovano nell’horeca il principale canale di commercializzazione”.
Pantini indica il +9% di volumi in giacenza del Montefalco Sagrantino e del Nobile di Montepulciano, dell’8% del Chianti Classico o alle maggiori eccedenze di bianchi importanti come Falanghina (+16%) e Soave (+24%).
“Ma il danno inferto dalla chiusura – aggiunge – non è solo prerogativa dei vini di fascia premium: si pensi al +36% in giacenza di Castelli Romani o al +22% di Frascati, vini tipicamente somministrati dalle trattorie della capitale, non solo rimaste chiuse ma purtroppo anche a corto di avventori stranieri”.

fonte e foto aziendeincampo.wordpress.com

22/05/2020

Torna SU ↑



RISTONEWS
Attualità, sondaggi, news
Interviste e opinioni
Gestione e legislazione
MONDOPIZZA
Pizzanews
Professione pizzaiolo
Pizza&core
Ricette
RISTORANTI
Professione ristoraro
Ricette
LOCALI D.O.C.
Pizzerie
Ristoranti
Locali serali e bar
FOOD SERVICE
Aziende
Prodotti
BEVERAGE
Aziende
Prodotti
ATTREZZATURE
Aziende e prodotti
Arredi e hotellerie
EVENTI
Fiere
Eventi
Top News
Filo Diretto
Beverage
CONTATTI
PRIVACY - COOKIES

PUBBLICITA'
Feed RSS