HOME / Food Service / Aziende
Molino Iaquone conquista anche New York

molino-iaquone-logo.jpg

 

"Nothing wrong with round, but the current pizzascape is all molino-iaquone.jpgabout rectangles”: nulla contro la pizza tonda, scrive Grubstreet.com, ma il trend corrente sulla pizza, a New York, è il “rettangolo”. Ma qual è l’assoluta miglior pizza rettangolare che si può gustare? È quella in teglia alla romana, secondo la classifica del magazine, quella in particolare firmata da Angelo Iezzi e Fabio Casella, fatta con farina Molino Iaquone, farcita con pomodorini del piennolo e stracciatella. La si può gustare al PQR, la pizzeria aperta alla via 1631 Second Avenue. Un’avventura iniziata alla grande e che si espanderà non solo nella grande mela, ma altrove in America. Sulla pizza in teglia della pizzeria romana a New York troviamo non solo piennolo e stracciatela, ma davvero tante ottime farciture, fantasiose e saporite. PQR ripropone il prodotto autentico della storica pizzeria al taglio “Angelo e Simonetta” nel quartiere Nomentano a Roma. La qualità è garantita anche dalla reperibilità delle materie prime, prodotti italiani e di alta qualità distribuiti nel mercato americano come le farine Molino Iaquone per un impasto sano e digeribile, il molino-iaquone-3.jpgguanciale o il pecorino per farciture romane DOC come la famosa pizza all’amatriciana, la pizza all’arrabbiata o ancora la più richiesta dai palati americani: zucca gialla, pancetta e provola. Nell’Upper East Side, PQR si espande su 140 metri quadrati (altrettanti al piano inferiore per il laboratorio); ha una trentina di coperti e offre almeno 15 farciture alla volta. L’impasto della pizza è fatto con Iaquone Miscela Taglio alla Romana, una farina tipo “0” di grani teneri. Ma Molino Iaquone, come i lettori sanno, non è solo pizza alla romana: vanta per ogni stile un sacco di miscele adatto: ultimissima novità è - ad esempio - Calabrella che abbiamo il piacere di presentarvi nel box focus. Fra le pizzerie che usano le farine Iaquone a New York,ricordiamo anche
le tre pizzerie napoletane “San Matteo” di Fabio e Ciro Casella (le preferite del Sindaco Di Blasio e che usano Luna Rossa), le due pizzerie “Mani in Pasta” di Giuseppe Manco (che usano la farina Taglio alla Romana) ed infine le due pizzerie “My Pie” di Mike Mustafa Otzger (che usano Taglio alla Romana).molino-iaquone-calabralla.jpg

 

Calabrella è una miscela di farina di grano tenero tipo “0” macinata a pietra e macinata con programma delicato con pasta acida e peperoncino Suriano Calabrese certificato dall’Accademia del Peperoncino. Ideale per pizza e pane dal gusto intenso, con una chiara connotazione piccante e tutti gli effetti positivi del peperoncino di qualità superiore certificata e della farina macinata a pietra. Ottima per lievitazioni medie fino a 48h, una miscela molto ben bilanciata anche per quanto riguarda capacità fermentative ed enzimatiche che permettono un’avanzata maturazione dell’impasto con conseguente ottenimento di prodotti lievitati molto digeribili e dall’intensa aromaticità e gusto.
Il prodotto è sviluppato da Molino IAQUONE in collaborazione con API Calabria e Accademia del peperoncino in Calabria per rispondere ad una specifica richiesta dei professionisti pizzaioli e panificatori che spesso si lamentano della massiccia presenza di prodotti di provenienza non italiana e soprattutto con caratteristiche organolettiche e di sicurezza alimentare non adeguate.

 

www.molinoiaquone.com


02/08/2018

Torna SU ↑



RISTONEWS
Attualità, sondaggi, news
Interviste e opinioni
Gestione e legislazione
MONDOPIZZA
Pizzanews
Professione pizzaiolo
Pizza&core
Ricette
RISTORANTI
Professione ristoraro
Ricette
LOCALI D.O.C.
Pizzerie
Ristoranti
Locali serali e bar
FOOD SERVICE
Aziende
Prodotti
BEVERAGE
Aziende
Prodotti
ATTREZZATURE
Aziende e prodotti
Arredi e hotellerie
EVENTI
Fiere
Eventi
Top News
Filo Diretto
Beverage
CONTATTI
PRIVACY - COOKIES

PUBBLICITA'
Feed RSS